News


02 maggio 2017
FISES IL BILANCIO SI CONFERMA POSITIVO SEGNO PIU' NEL BILANCIO 2016

Fises: il bilancio si conferma positivo

Segno più nel bilancio 2016 con un utile netto che si assesta attorno a 21mila euro, reddito operativo positivo ed una gestione che ha visto il sostegno a ben 75 start up per un importo di 4.059.000 euro. Durante il 2016, trend in crescita nelle domande. Già approvato anche il piano operativo per il 2017. Positivo anche il trend dei primi tre mesi del 2017


[...segue]
20 marzo 2017
LA CONFERENZA STATO-REGIONE DICE OK ALL'ESONERO DI FISES SPA DALLA LEGGE SULLE PARTECIPATE PUBBLICHE
Comunicato Stampa                                                        17 marzo 2017

 

 Il commento di Stefano Bernardini, presidente della Finanziaria Senese di Sviluppo

La Conferenza Stato-Regione dice ok all’esonero

di Fises dalla legge sulle partecipate pubbliche

Si tratta di una notizia davvero molto positiva. Il mio ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato alacremente”

 

“Apprendiamo da una nota congiunta dei consiglieri regionali Simone Bezzini e Stefano Scaramelli che la Conferenza Stato Regione, a cui era presente l’assessore regionale Vittorio Bugli, ha approvato l’esonero della Fises dalla nuova disciplina sulle partecipate pubbliche. Si tratta di una notizia davvero molto positiva che chiaramente avrà la conferma formale nella pubblicazione degli atti e della normativa”.

 

Commenta così la notizia Stefano Bernardini, presidente della Finanziaria Senese di Sviluppo.

 

“Il mio ringraziamento, e nome di tutta la Fises – dice - va a tutti coloro che hanno lavorato per arrivare all’esonero della Fises dal contesto di applicazione della nuova normativa sulle partecipate pubbliche”. 

 

Fises è una finanziaria che investe sul territorio di riferimento il cui capitale è detenuto da Fondazione Mps, Comune di Siena, Provincia di Siena, Camera di Commercio di Siena. La normativa sulle partecipate ha previsto l’esonero dall’applicazione per le finanziarie regionali relativamente agli obiettivi a cui rispondono e alle attività che vengono svolte. Viste le caratteristiche di Fises è stata avanzata richiesta di esonero anche per questa società. Esonero che viene reso possibile grazie all’introduzione di un emendamento nell'intesa approvata dalla Conferenza Stato-Regione con il quale  Fises viene inserita nell’allegato A del Testo Unico n. 175 del 2016, ovvero il testo unico sulle partecipate pubbliche.

 

“L’esonero – continua Bernardini – tutela l’attività svolta dalla Fises e la sua esperienza volta alla salvaguardia, alla promozione e alla tutela delle attività delle piccole e medie imprese, rispondendo alle loro esigenze e prestando grande attenzione all’imprenditoria giovanile e femminile nonché alle start up, settori per i quali sono stati aperti plafond appositi”.

 

Da settembre 2009 a dicembre 2016 sono stati circa 1.700 i finanziamenti concessi da Fises, per circa 91 milioni di euro a favore del territorio. Di questi, circa 420 finanziamenti hanno riguardato imprese in fase di start-up per un importo di oltre 20 milioni. 

 

Per contatti stampa

Elena Mugnaini

cell: 320 2954384 e-mail: elenamugnaini@gmail.com

Susanna Salvadori

cell: 355 1979771 e-mail: susannasalvadori@gmail.com

 


[...segue]
22 febbraio 2017
UNA CONVENZIONE SUL FONDO SPECIALE ANTIUSURA PER SOSTENERE LE IMPRESE IN DIFFICOLTÀ IL DOCUMENTO FIRMATO DA FISES E ITALIA COM-FIDI

Il documento firmato da Fises e Italia Com-Fidi

Una convenzione sul Fondo Speciale Antiusura per sostenere le imprese in difficoltà

La convenzione prevede una garanzia iniziale diretta pari al 50%, ma estendibile fino all’80%, del finanziamento richiesto non superiore a 150 mila euro e della durata massima di 8 anni

 

Una convenzione a valere sul Fondo Speciale Antiusura al fine di sostenere le imprese in difficoltà.

E’ questa la finalità del documento firmato da Fises e Italia Com-Fidi e presentato nella conferenza stampa di questa mattina, 21 febbraio.

La convenzione prevede una garanzia iniziale diretta pari al 50%, ma estendibile fino all’80% del finanziamento richiesto, non superiore a 150 mila euro e della durata massima di 8 anni.

Sarà compito di Fises inviare a Com-Fidi una formale comunicazione scritta che evidenzi le motivazioni, oltre alla forma tecnica, all'importo e alla durata del finanziamento in richiesta.

Italia Com-Fidi è società consortile a responsabilità limitata costituita nel 2009 tramite la fusione per incorporazione in "Toscana Com-fidi Società Consortile a Responsabilità Limitata" delle società "Euroconfidi Impresa Società Cooperativa", "Ciessepi Confesercenti Fidi Società Cooperativa" e "Eurofidi Veneto Società Cooperativa". La società ha in gestione un fondo speciale denominato "Fondo Speciale Antiusura".

Il “Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura” è stato costituito ai sensi dell’Art. 15 della Legge 7 marzo 1996, n. 108 ed è gestito in forma separata dal Fondo Rischi “ordinario”.

Non solo, il Fondo è destinato a garantire fino all’80% dei singoli finanziamenti alle imprese in difficoltà.

E’ comune interesse di Fises e del Confidi condividere un’operatività in garanzia a valere sullo specifico Fondo.

Le operazioni, che fanno riferimento alla convenzione, saranno assistite da una garanzia “a prima richiesta” di norma pari all’80% del finanziamento, di cui il 75% a valere sul Fondo, ed il 5% a valere sul patrimonio del Confidi. Forme tecniche, tassi debitori, commissioni di garanzia, importi, e durate dei finanziamenti oggetto di questa specifica operatività saranno quelli concordati e comunicati con separato scambio di corrispondenza tra le parti.

 

Per contatti stampa

Elena Mugnaini

cell: 320 2954384 e-mail: elenamugnaini@gmail.com

Susanna Salvadori

cell: 355 1979771 e-mail: susannasalvadori@gmail.com


[...segue]
07 febbraio 2017
SI COMUNICA CHE IL C.D.A. DI FI.SE.S. S.P.A. HA DELIBERATO IL PIANO OPERATIVO PER L’ANNO 2017 CHE PREVEDE LO STANZIAMENTO DI RISORSE FINANZIARIE PER UN IMPORTO COMPLESSIVO, IN QUESTA PRIMA FASE, DI € 15 MILIONI COSÌ RIPARTITO

Si comunica che il C.d.a. di Fi.Se.S. S.p.a. ha deliberato il Piano Operativo per l’anno 2017 che prevede lo stanziamento di risorse finanziarie per un importo complessivo, in questa prima fase, di € 15 milioni così ripartito:

A) la costituzione di un Plafond Liquidità a supporto del tessuto delle P.M.I. Industriali, Commerciali-Turistiche e di Servizi, Agricole ed Artigiani della Provincia di Siena per l’importo di € 5 milioni;

B) la costituzione di un Plafond dedicato a favore delle Imprese Giovanili e/o a prevalente partecipazione Femminile per l’importo di € 4 milioni;

C) l’importo di € 5 milioni da destinare allo svolgimento della missione di Fi.Se.S. a sostegno delle Imprese del territorio attraverso l’attività ordinaria;

D) la costituzione di un Plafond denominato “Imprese Alluvionate” riservato alle imprese operanti nei Comuni facenti della nostra Provincia colpiti da eventi eccezionali di maltempo con una dotazione di risorse di € 1 milione.

 


[...segue]
04 gennaio 2017
ACCORDO TRA FISES E MICROCREDITO DI SOLIDARIETA'
Comunicato Stampa                                                          4 gennaio 2017

 

La firma del documento tra i due istituti

Finanziamenti: accordo tra Fises  e Microcredito di Solidarietà

L’obiettivo: sostenere lo sviluppo del territorio con interventi mirati, anche in pool, rivolti alla capitalizzazione delle aziende, alle esigenze di liquidità, alle imprese giovanili e alla piccola imprenditoria con tassi vantaggiosi

 

Intervenire insieme per sostenere la capitalizzazione e le esigenze di liquidità delle aziende, le imprese giovanili e femminili e la piccola imprenditoria con finanziamenti a medio-lungo termine con durata non inferiore a 18 mesi e tassi vantaggiosi. 

E’ l’obiettivo dell’accordo firmato tra la Finanziaria Senese di Sviluppo e Microcredito di Solidarietà, società di cui Banca Monte dei Paschi è socio fondatore e maggiore azionista. Le due società si impegnano così a supportare, anche in pool, aziende che hanno la propria sede nel territorio costituito da tutti i Comuni della Provincia di Siena e che siano iscritte al Registro delle Imprese di Siena. “Continuiamo a tessere relazioni e costruire convenzioni con i soggetti del territorio – dice Stefano Bernardini, presidente della Fises – con l’obiettivo di sostenere il territorio e il suo sviluppo in modo equilibrato. Sostenere e aiutare gli investimenti infatti significa stimolare tutto il territorio e la crescita delle sue potenzialità economiche”

“L’accordo stipulato con Fi.Se.S. conferma il nostro costante impegno per favorire l’accesso al credito di piccoli operatori della provincia di Siena - fa notare Mario Marzucchi presidente di Microcredito di Solidarietà - Dalla sua nascita ad oggi Microcredito ha continuato a lavorare a stretto contatto con le realtà locali allo scopo di fornire supporto finanziario alle persone fisiche o alle microimprese che trovano difficoltà ad ottenere i tradizionali finanziamenti bancari, non essendo in possesso di un’adeguata situazione giuridico patrimoniale ed idonee garanzie, ma che comunque appaiono moralmente in grado di impegnarsi in un progetto di sviluppo delle proprie potenzialità che passa anche attraverso l'utilizzo consapevole del denaro.”

 

Soggetti beneficiari Potranno accedere ai finanziamenti per Fises le Piccole Medie Imprese produttrici di beni e servizi, indipendentemente dal settore economico di appartenenza e dalla forma giuridica. Per quanto riguarda Microcredito di Solidarietà, l’accordo è rivolto alle imprese costituite nelle forme di società di persone, anche in forma individuale, di società a responsabilità limitata semplificata, di associazione o di cooperative.

 

I contenuti In tutte le tipologie previste dall’accordo i tassi dei due istituti sono vantaggiosi per i soggetti beneficiari. Per quanto riguarda gli importi, Microcredito può intervenire fino ad un massimo di 12mila euro e Fises per un minimo di 20mila, per una durata massima di 60 mesi. In primo luogo l’accordo prevede la possibilità di procedere a capitalizzazioni aziendali con l’obiettivo di aumentare il grado di solidità patrimoniale. Sono finanziabili le imprese costituite nelle forme sopra indicate, iscritte e attive al Registro delle Imprese che hanno almeno la sede operativa nel territorio di pertinenza congiunto di Fi.Se.S. e Microcredito di Solidarietà. Per quanto riguarda la nuova imprenditoria giovanile e femminile, l’obiettivo è quello di sostenere le necessità finanziarie di imprese costituite da non oltre 1 anno. L’accordo pone, infine, l’attenzione sul segmento della piccola imprenditoria, privilegiando i prestiti finalizzati al miglioramento dell’attività aziendale.

 

 

Microcredito di Solidarietà

Microcredito di Solidarietà è stato fondato a Siena nel 2006 da Banca Monte dei Paschi (40% del capitale sociale), Comune e Amministrazione Provinciale di Siena, Diocesi di Siena e di Montepulciano, altri comuni della provincia, associazioni di volontariato e con il supporto indiretto della Fondazione Mps, per far fronte a necessità finanziarie di privati e famiglie che trovavano difficoltà ad accedere ai canali ordinari del credito bancario ed aiutare così a superare difficoltà economiche temporanee o avviare una nuova attività imprenditoriale. La Società opera oggi attraverso 38 centri di ascolto presso locali messi a disposizione da Banca Mps e associazioni di volontariato nella provincia di Siena, grazie all’attività di numerosi volontari (compresi  consiglieri e sindaci revisori) e personale distaccato dalla Banca stessa. Microcredito di Solidarietà si rivolge a soggetti residenti nelle province di Siena, Massa Carrara e Grosseto (limitatamente alle zone ricadenti sotto l’Arcidiocesi di Siena - comuni di Castel del Piano, Arcidosso, Seggiano, Civitella Paganico e Cinigiano).

Maggiori info su http://www.microcreditosolidale.eu

 

 

 

Per contatti stampa

 

Elena Mugnaini

cell: 320 2954384 e-mail: elenamugnaini@gmail.com

Susanna Salvadori

cell: 3355 1979771 e-mail: susannasalvadori@gmail.com  

 

 

Banca Monte dei Paschi di Siena SpA                   

Relazioni Media                                                                                                                                         

Tel: +39 0577.296634                                      

ufficio.stampa@mps.it                   

 

 


[...segue]
21 novembre 2016
CONTINUA A CRESCERE LA DOMANDA DI FINANZIAMENTO
 
Comunicato Stampa                                                         14 novembre 2016

 

Il bilancio della Finanziaria ad inizio novembre2016

Continua a crescere la domanda di finanziamento

Sono 169 le pratiche deliberate da Fises ad inizio novembre  2016, per un importo totale di 9.402.000 euro. A favore di nuove attività sono state deliberate 66 operazioni per un importo di 3.344.000 euro. Grazie alle strategie messe in atto negli ultimi anni Fises spa ha raggiunto sufficiente autonomia finanziaria per operare anche per il prossimo triennio con un volume d'attività istituzionale pari a 15 milioni all'anno.

 

Sono già 169 le pratiche deliberate da Fises ad inizio novembre 2016  per un importo totale di 9.402.000 euro. A favore di nuove attività sono state deliberate 66 operazioni per un importo di 3.344.000 euro. Si conferma il trend in crescita nelle domande che arrivano alla Finanziaria Senese di Sviluppo. Infatti, a fine giugno le pratiche deliberate erano 112, per un importo complessivo di oltre 6 milioni di euro, quelle a favore di nuove attività erano 41 pratiche per un importo totale di 2.281.000. Brevissimi i tempi di risposta sulla domanda. Il periodo che intercorre fra la data di protocollo delle richieste di finanziamento e la data di delibera è di sei giorni nel caso di pratiche di pertinenza deliberativa del direttore e di diciannove giorni per la competenza del Consiglio di Amministrazione.

Grazie alle strategie messe in atto negli ultimi anni Fises spa ha raggiunto sufficiente autonomia finanziaria per poter operare anche per il prossimo triennio con un volume d'attività istituzionale pari a 15 milioni all'anno. Si tratta di azioni che hanno portato la società a svolgere la propria funzione senza la necessità di ulteriori apporti di capitale, che non si verificano da anni, ovvero dal momento in cui Fises ha ridefinito il piano industriale e le proprie strategie (2009-2010).

“Per quanto riguarda le domande di investimento, al momento - dice Stefano Bernardini, presidente Finanziaria Senese Sviluppo – continuiamo ad assistere ad una buona ripresa rispetto a quanto accaduto nel 2015. E i dati ce lo dicono, mese dopo mese. Continuiamo a cogliere piccoli segnali di ripresa economia e Fises, come sempre, è lì al fianco delle imprese per essere volano dell’economia, per sostenere chi in questa fase complessa ha deciso di investire per crescere. Ne è un esempio recente l’investimento a favore di Borgo Santo Pietro, a Chiusdino”.

“Stiamo lavorando - aggiunge Bernardini - per ulteriori plafond specifici, come accaduto recentemente con la convenzione stipulata con il comune di Sinalunga per garantire tassi agevolati e tempi brevi a favore delle aziende colpite da eventi calamitosi dovuti al maltempo”.

Tutti i dati Nel dettaglio, sono 23 le pratiche deliberate per l’attività ordinaria per un importo di 2.848.000 euro a inizio novembre 2016 . Le pratiche deliberate sul plafond Imprenditoria Giovanile e Femminile sono 62, di queste ben 55 sono destinate a nuove attività per 3.015.000 euro. Le pratiche per le piccole operazioni di liquidità sono 84 per 3.239.000 euro, tra queste 11 sono nuove attività per 329.000 euro.

Dove investe Fises? La parte del leone rispetto alle richieste di finanziamento continua a farla l’area senese con il 40,24% delle pratiche deliberate. Segue l’Alta Valdelsa con il 15,38% e la Valdichiana con l’11,24%.

In quali settori investe Fises? Commercio-turismo e artigianato sono i settori principali rispettivamente con il 68,22% e con il 18,65% degli importi deliberati rispetto alle domande che arrivano. Servizi e industria invece si attestano attorno al 12,65%, più marginale l’agricoltura. “Questo tipo di andamento – dice Bernardini – si spiega con la tipologia di economia che ha retto nel nostro territorio in questi anni di crisi. Per investimenti destinati a contesti industriali, come abbiamo sempre detto, devono essere costruite partnership con altri istituti di credito. Operazioni come quelle di Borgo Santo Pietro, ad esempio, hanno una finalità turistica, ma non solo, visto la potenzialità di dare input a tutto il contesto territoriale senese, dando prestigio anche alla qualità delle strategie imprenditoriali”.

Come arrivano le domande? Fises si relaziona con le associazioni di categoria e non solo. Tanti infatti sono anche i singoli professionisti e le singole società che avanzano domanda. A inizio novembre 2016 sono 101 le pratiche arrivate da Confesercenti, Confcommercio, Cna, Confartigianato. Ben 30 sono le domande pervenute da singole aziende e 38 quelle arrivate da professionisti.

 

 

Per contatti stampa

Elena Mugnaini

cell: 320 2954384 e-mail: elenamugnaini@gmail.com

Susanna Salvadori

cell: 355 1979771 e-mail: susannasalvadori@gmail.com

 


[...segue]
21 settembre 2016
PIANO DI PATRIMONIALIZZAZIONE E FINANZIAMENTO PER SOSTENERE LA CRESCITA E I NUOVI INVESTIMENTI DEL RELAIS BORGO SANTO PIETRO

Il consiglio della Finanziaria Senese di Sviluppo ha deliberato di intervenire a sostegno del piano di sviluppo presentato dal gruppo che ha sede legale e operativa nel Comune di Chiusdino, in provincia di Siena

Piano di patrimonializzazione e finanziamento per sostenere la crescita e i nuovi investimenti del Relais Borgo Santo Pietro

Bernardini: “Una operazione che va a qualificare la capacità di attrazione e di ricettività del territorio di altissimo livello. Investimenti che hanno la potenzialità di dare input a tutto il contesto territoriale, non solo dal punto di vista turistico”

 

Un piano che prevede una importante patrimonializzazione dell’azienda e un finanziamento per sostenere la crescita e gli investimenti previsti dal Relais Borgo Santo Pietro, struttura di eccellenza nell’ospitalità turistica del territorio, localizzata nel Comune di Chiusdino.

 

Il consiglio della Finanziaria Senese di Sviluppo ha deliberato di intervenire a sostegno del piano di sviluppo presentato dal gruppo Relais Borgo Santo Pietro che ha deciso di patrimonializzare la società per un valore complessivo di 750 mila euro, con un apporto di mezzi propri, inizialmente 200 mila euro e poi gli altri 550 mila nel corso dei prossimi anni.

 

Tutto questo si è realizzato con un finanziamento di 550 mila euro, già erogato da Fi.Se.S. nelle settimane scorse, finanziamento concesso nella forma tecnica del Prestito Partecipativo, destinato alla copertura finanziaria di investimenti.

 

“Si tratta di una operazione che va a qualificare la capacità di attrazione e di ricettività del nostro territorio, potenziando una struttura alberghiera di altissimo livello - dice Stefano Bernardini, Presidente Fi.Se.S. – Siamo di fronte ad un volume di investimenti che hanno la potenzialità di dare input a tutto il contesto territoriale senese, dando prestigio non solo all’offerta  turistica, ma anche alla qualità delle strategie imprenditoriali. Noi crediamo profondamente nella necessità di accompagnare investimenti ed imprenditori e pensiamo la  Fi.Se.S come strumento utile al fine di sostenere e stimolare la crescita economica. E’ questo il nostro ruolo a favore del territorio”.

 

Il piano di investimento La società Relais Borgo Santo Pietro a Chiusdino - 75 dipendenti in alta stagione - nel 2015 ha realizzato un fatturato di circa 4,4 milioni di euro. Ha elaborato e presentato alla Fi.Se.S. un piano di investimento che prevede la realizzazione nuove suite di cui alcune con piscina privata per un costo totale di 1.250.000 euro. Si tratta di un investimento che garantisce importanti margini operativi in una struttura che ogni anno realizza standard di occupazione altissimi e che oggi necessita di aumentare il numero di camere per rispondere al meglio all’incremento della domanda che l’albergo registra ogni anno.

“Siamo contenti di investire in Toscana, terra che ormai ci ha adottato tanti anni fa - dice Claus Thottrup fondatore dell’azienda - Vogliamo che questa grande attività consenta di creare occupazione e sviluppo per il territorio per il presente ma soprattutto per il futuro, diventando un punto di riferimento di eccellenza per la grande cultura dell’ospitalità per cui questo territorio è conosciuto.”

 

Borgo Santo Pietro, recentemente ha ricevuto un riconoscimento quale esempio di eccellenza del territorio dalla Camera di Commercio di Siena sia per il suo posizionamento al livello internazionale sia per il profilo elevato della clientela. Tutto questo influenza in maniera positiva tutto il territorio senese. Di recente, l’hotel è stato scelto da un famoso pilota di formula uno come location per il proprio matrimonio richiamando la presenza della stampa da tutto il mondo. La società Relais Borgo Santo Pietro ha sede legale e operativa nel Comune di Chiusdino (Si), in Località Palazzetto, in un complesso immobiliare di proprietà del socio Claus Thottrup che svolge l’attività di architetto e di imprenditore su scala internazionale e di Jeanette Gron Thottrup che svolge l’attività di interior design.

 

Come nasce Borgo Santo Pietro Il Relais, villa del XIII° secolo, nasce dal desiderio di creare un luogo unico ed accogliente dove la natura incontra il lusso. Un’alta attenzione ai dettagli e al servizio in un ambiente familiare ed elegante, sono i principi guida che rendono questa struttura unica nel suo genere nel mondo. Al fine di recuperare l’antica bellezza del complesso immobiliare gli artigiani locali hanno affiancato artigiani provenienti da tutto il mondo per sviluppare gli arredi. Sono stati acquisiti mobili e dettagli architettonici in varie parti di Italia, mentre il patrimonio “verde” dei parchi ha origine in varie nazioni europee. Nel parco si contano oltre 300 mila fiori e piante interrate.

Borgo Santo Pietro ha ottenuto numerosi riconoscimenti dai principali operatori internazionali del settore e dispone attualmente di 16 camere, del ristorante stellato “Meo Modo” presente nel Borgo (oltre ad un ulteriore ristorante stellato a Firenze denominato “La Bottega del Buon Caffè”, entrambi con una stella Michelin), una brasserie, un centro benessere, un lago artificiale, un’area dedicata allo sport ed un parco giochi per i bambini.


[...segue]
25 maggio 2016
CON LA PRESENTE SI COMUNICA CHE DAL 6 GIUGNO 2016 LA FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO SPA SI TRASFERIRA’ IN VIA BANCHI DI SOPRA N°72 –SIENA.

CONLA PRESENTE SI COMUNICA CHE DAL 6 GIUGNO 2016 LA FINANZIARIA SENESE DISVILUPPO SPA SI TRASFERIRA’ IN VIA BANCHI DI SOPRA N°72 –SIENA. GLI UFFICI RESTERANNO CHIUSI DAL 30 MAGGIO AL 5 GIUGNO 2016 PER TRASLOCO, CON RIAPERTURA IL 6 GIUGNO P.V.

 I NUMERI TELEFONICI NON VARIERANNO.

 LA DIREZIONE


[...segue]
News precedenti